Interconnection

Grazie Alla Collaborazione con la Biblioteca Comunale e della Pro Loco

La Black Light Art Arriva anche a Villa D'Adda (BG)

La sua prima espressione risale al 1949, quando Lucio Fontana presentò alla galleria del Naviglio di Milano una installazione basata su elementi luminescenti appesi al soffitto, illuminati da luce nera e fluttuanti liberamente

La black light è uno strumento espressivo in grado di coinvolgere lo spettatore in una esperienza sensoriale dove la realtà non appare con il solito aspetto ma si veste di colori, di forme e di spazialità insolite e sorprendenti.

Questo è solo ciò chhe è ufficiale, qui mi occupo di esprimermi il modo di vedere alla Black Light Art e come ho scelto di condividerlo con te

Io e Te sappiamo benissimo che ognuno di noi ha il suo modo  di intendere, chiarissimo il concetto alla base (mi ci sono ispirato), ad ogni modo la mia scelta è di svelarvi il mio modo di vedere questo concetto e anche come mi piace esprimerlo con parole, esperienze, domande e riflessioni completamente mie che sono disposto a raccontarti continuando a leggere questo post

Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

La mostra Interconnessioni  intende esplorare le valenze artistiche della luce nera, concetti di fisica quantistica, di neuroscienze, , proponendo un istallazione interattiva Audio – Luce – Video, che avvolgerà tutto lo spazio della Torre del Borgo.

L’istallazione ha l’intento di portare inizialmente lo spettatore ad uno stato di disorientamento .fino ad accompagnarlo in uno  stato di trance, cercando di suggestionare la sua mente e trasportandolo in un altro mondo interconnesso. Questo insieme di stimoli prodotti dalle varie componenti che formano l’opera vogliono ricreare un’esperienza nella quale l’osservatore riesce ad esperire uno stato alterato di coscienza, una fuga dall’esistenza e dalla realtà per mezzo di un viaggio multisensoriale, verso una sorta di pace del nulla

Il percorso espositivo sarà accompagnato da suoni  creati  appositamente per il percorso espositivo che aiuterà lo spettatore ad immergersi in questa esperienza sensoriale.

chi sono e perchè lo faccio (Sii sincero)

Quale trasformazione inte ndo che voi provate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.